Giulio Romano Mantova 2019

Giulio Romano Mantova 2019
Con nuova e stravagante maniera – Arte e desiderio
Mantova, dal 6 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020

Trent’anni dopo la prima e grandiosa mostra monografica dedicatagli nel 1989 a cura di Ernst Gombrich, Mantova torna a celebrare il genio del manierismo e l’artista che più di ogni altro ha definito il volto della città con un’ariosa mostra in due sedi.

– A Palazzo Ducale la mostra si articolerà in tre sezioni che approfondiranno aspetti diversi dell’attività dell’artista:
1. Il segno di Giulio avrà sede nel piano terreno del Castello di San Giorgio e illustrerà la produzione grafica di Giulio come progettista, designer, pittore, architetto e urbanista, presentando il suo fondamentale apporto al rinnovamento del linguaggio manierista.
2. Al modo di Giulio occuperà gli ambienti di Corte Nuova e dell’Appartamento di Troia, suggerendo un dialogo diretto tra i disegni dell’artista e la decorazione.
3. Alla maniera di Giulio, ricavata negli spazi dell’Appartamento della Rustica, approfondirà da un lato il tema di Giulio Romano architetto e dall’altro quello della sua eredità, presentando l’opera dei suoi allievi e discepoli.
L’esposizione in Ducale si avvarrà del prestito, unico, di 72 disegni di Giulio Romano conservati al Museo del Louvre e di varie stampe provenienti da altri importanti musei europei ed italiani.

– A Palazzo Te la mostra, allestita nell’ala napoleonica della villa, sarà declinata in cinque sezioni secondo il tema Arte e desiderio:
1. La produzione giovanile di Giulio al tempo della sua attività nella bottega di Raffaello.
2. I Modi, una serie di 16 immagini erotiche disegnate da Giulio Romano e poi incise da Marcantonio Raimondi.
3. Arte e Seduzione con una copia antica e particolarmente fedele della Fornarina di Raffaello, probabilmente di Raffaellino del Colle, collaboratore di Giulio Romano, e il Ritratto di cortigiana di Giulio stesso.
4. Gli amori degli dei dimostra, attraverso disegni e incisioni, la grande fortuna collezionistica di cui godettero i soggetti erotici nel Cinquecento, mascherati dietro la più accettabile apparenza mitologica.
5. Il cuore della mostra con i Due amanti, monumentale tela di Giulio Romano (cfr. Vasari) conservata all’Ermitage, un arazzo con Mercurio ed Erse in prestito dal Met di New York e un raffinato cartone raffigurante Giove e Danae, di mano di Perin del Vaga, proveniente dal Louvre.

Due parole dei curatori della mostra Arte e desiderio, Guido Rebecchini e Barbara Furlotti.

Nel frattempo non bisogna dimenticare che a Mantova mostra di Giulio Romano è sempre, con i suoi capolavori sparsi per la città: il Palazzo Te in primis, l’appartamento di Troia e la Rustica in Palazzo Ducale, gli interventi strutturali in Sant’Andrea e nel duomo, gli interventi urbanistici sparsi per il centro...

Prenota la tua visita guidata alla mostra e per effettuare un percorso giuliesco attraverso i capolavori che Giulio Romano ha lasciato stabilmente a Mantova.

Letture consigliate per approfondimenti su Giulio Romano:
– Federico II Gonzaga e Giulio Romano: Carteggio.
– Giorgio Vasari, Luigi Bastianelli, Francesco Milizia: Vite di Giulio Romano.
– Carlo d’Arco: Istoria della vita e delle opere di Giulio Pippi Romano.

Contatti

🖭📞 +39 0376 158 6243
📨 mantovaguide@litterae.eu


Lingua

🇮🇹 Italiano  🇬🇧 English  🇫🇷 Français
🇪🇸 Español  🇩🇪 Deutsch  🇵🇹 Português
🇩🇰 Dansk  🇷🇺 Русский


Cerca


Hanno detto

Hola Daniele, coincidimos que fuiste el mejor de los guías que tuvimos durante nuestro viaje a Italia. Fue un placer para nosotros que nos hayas guiado y hacer que disfrutáramos y conociéramos mejor Mantua. Eres una persona muy culta - Berenice O, México


Argomenti

AlbertiarazziarcheologiaarchitetturaBeltramicucinaduomoFederico II GonzagafilateliafolclorefotografiaGiulio RomanoinformaticaIsabella D'EsteLanfrancolibriMantegnaMatilde di CanossaMonteverdimostreMuseo Francesco GonzagamusicanaturaPalazzo D'ArcoPalazzo della RagionePalazzo DucalePalazzo TePiazza SordellopitturaRaffaelloSabbionetaSant'AndreaSanta Barbarasculturasportstoriastreet artTizianoUnescoVerdiVincenzo GonzagaZandomeneghi


Rubriche

Biblioteca mantovana
Il punto
Informazioni utili
Lampi di stampa
Mostre passate
Mostre virtuali
Twittagram


Letture

Daniele Lucchini Incontrando il Genovesino


Ricorrenze mantovane

Il 9 dicembre 1544 muore a Campese, nell'attuale provincia di Vicenza, Teofilo Folengo


Segui

Feed Rss
Parrot


Rete

Litterae.eu
Libri Finisterrae


© Mantova Guide 2009-2022. All rights reserved. Site design by Litterae.eu.
Info GDPR EU 2016/679: no cookies used.
P.IVA 02198370203