Mantova etrusca

La Gazzetta di Mantova riporta oggi, 24 settembre 2019, di nuovi ritrovamenti nell’area di scavi archeologici etruschi del Forcello, a pochi chilometri dal capoluogo. Riporto il collegamento all’intervista annessa all’articolo.

Il pezzo mi offre l’occasione di raccontare un po’ gli esiti delle mie saltuarie ricerche sulla Mantova etrusca.

Forse non tutti ne sono a conoscenza, ma la città di Virgilio e dei Gonzaga infatti prima di conoscere la pax romana fu proprio un insediamento etrusco. Anzi, come il suo nome stesso rivela, un insediamento di fondazione etrusca. Mantua, come la chiamavano i romani, è infatti la latinizzazione dell’etrusco Manthva, a sua volta derivato da Manth, il dio degli inferi corrispondente grosso modo al greco Ade.

L’associazione venne loro quasi certamente dalle caratteristiche ambientali del luogo: la palude che circondava l’isolotto su cui sarebbe sorto l’insediamento, con le sue nebbie invernali e i suoi miasmi e afa estivi, era probabilmente vista come un accesso al mondo ctonio. Non è certo una stranezza: anche per i greci e i romani paludi e vulcani erano spesso porte d’accesso al regno dei morti.

Proprio per questo collegamento privilegiato la Mantova etrusca potrebbe essere stata non inverosimilmente anche centro importante per le divinazioni, le quali peraltro erano una delle passioni, se posso dirlo così, degli etruschi. E l’eco di tale vocazione potrebbe spiegare perché Virgilio nel X libro dell’Eneide abbia associato la fondazione di Mantova proprio ad un’indovina, per quanto d’altra stirpe: Manto appunto.

Sarà stata forse la consapevolezza che all’origine di Mantova c’è anche questo antico raffinato popolo italico a spingermi qualche anno fa a dedicare all’arte romana ed etrusca una mostra fotografica e alla lingua etrusca un applicativo informatico?
Chi può mai dirlo.

Se nel frattempo, etruschi o meno, vi interessa una visita alla scoperta della Mantova archeologica, scrivetemi pure.

Contatti

Arrivederci


Lingua

🇮🇹 Italiano  🇬🇧 English  🇫🇷 Français
🇪🇸 Español 


Cerca


Hanno detto

Una cultura eccelsa e una capacità di coinvolgimento non comune. Lei ha dato letteralmente vita a luoghi, nomi e storie - Giacomo D, Italia


Argomenti

AlbertiarazziarcheologiaarchitetturaBeltramicucinaduomoFederico II GonzagafilateliafolclorefotografiaGiulio RomanoinformaticaIsabella D'EsteLanfrancolibriMantegnaMatilde di CanossaMonteverdimostreMuseo Francesco GonzagamusicanaturaPalazzo D'ArcoPalazzo della RagionePalazzo DucalePalazzo TePiazza SordellopitturaRaffaelloSabbionetaSant'AndreaSanta Barbarasculturasportstoriastreet artTizianoUnescoVerdiVincenzo GonzagaZandomeneghi


Rubriche

Il punto
Informazioni utili
Lampi di stampa
Mostre passate
Mostre virtuali
Twittagram


Letture

Pietro Ferrato Il marchesato di Mantova e l'impero ottomano alla fine del XV secolo


Ricorrenze mantovane

Il 27 maggio 1459 papa Pio II Piccolomini giunge a Mantova per aprire l'omonima dieta


Segui

Feed Rss
Parrot


Rete

Litterae.eu
Libri Finisterrae


© Mantova Guide 2009-2024. All rights reserved. Site design by Litterae.eu.
Info GDPR EU 2016/679: no cookies used, no personal data collected.